HOUSE of Fraser ha temporaneamente smesso di accettare buoni regalo e buoni nonostante la catena sia stata salvata.

L'imprenditore miliardario Mike Ashley, questa mattina, ha rubato la catena della vendita al dettaglio attraverso Sport Direct per £ 90 milioni in contanti.


Ai clienti del negozio House of Fraser's di Belfast è stato detto che le carte regalo non erano più accettate

Ma gli acquirenti di Belfast e Glasgow hanno riferito che i negozi non accettano carte regalo.

Quando il futuro di un rivenditore è messo a repentaglio, gli acquirenti si affrettano a utilizzare buoni regalo e buoni nel caso in cui l'azienda interrompa il commercio per sempre.

Spetta agli amministratori decidere se continueranno ad accettarli.

Un acquirente di Belfast ha detto di essere ‘disgustato’ dal fatto che il grande magazzino avesse già smesso di accettare buoni regalo.


La catena di negozi è stata salvata dal crollo all'inizio di oggi

Mentre un altro a Glasgow ha anche loro rifiutato.

Un portavoce di House of Fraser ha confermato che il problema era ‘temporaneo’ e che sarebbe stato ‘risolto a breve’ mentre attendevano le indicazioni del nuovo proprietario.

Ashley's Sports Direct aveva già una quota dell'11% nella catena.

Il cinquantatreenne vale circa 2,8 miliardi di sterline ed è anche proprietario del Newcastle United.


Ashley's Sports Direct aveva già una quota dell'11% nella catena

È intervenuto per acquistare la catena stamattina poche ore dopo la presentazione dell'amministrazione.

Mike Ashley ha dichiarato: ‘Faremo del nostro meglio per mantenere il maggior numero di negozi possibile.

‘La mia ambizione è trasformare House of Fraser negli Harrods of the High Street.’

Attualmente i 59 negozi della catena rimangono aperti. Sebbene, non ci sia stata alcuna conferma su cosa accadrà ai 31 destinatari della chiusura.

Il rivenditore ha una storia di 170 anni come uno dei marchi di moda più famosi del paese.

Il suo primo negozio fu aperto a Glasgow da Hugh Fraser e James Arthur nel 1849.

Divenne una catena nazionale dopo la seconda guerra mondiale e nel corso degli anni ha avuto numerosi proprietari.

Come altri rivenditori, House of Fraser ha faticato negli ultimi anni a causa della forte concorrenza dei rivali online e del crollo della spesa dei consumatori.

Segue la scomparsa di BHS nel 2006, con la perdita di 5.000 posti di lavoro.

Toys R Di quest'anno il maggiore fornitore di giocattoli e bambini del Regno Unito è entrato in amministrazione nel febbraio di quest'anno, con una stima di 2000 ridondanze.

Mentre Poundworld ha annunciato che andrà in amministrazione l'11 giugno, con la chiusura di 355 negozi e la perdita di 5.100 posti di lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *